Cura del bruxismo

Cura del bruxismo

Il bruxismo è un disturbo abbastanza frequente che si verifica prevalentente durante il sonno, ma può comparire anche di giorno ed è caratterizzato da un abitudine di digrignare (bruxismo) o di stringere (serramento) i denti senza rendersene conto. Se trascurato può danneggiare sia i denti, sia la funzionalità della bocca.

Anche se le cause che portano a questi disturbi non sono del tutto note si ritiene che lo stress quotidiano abbia un ruolo determinante. Bruxismo e serramento sono, infatti, l’espressione di un disagio psichico che si ripercuote sull’attività muscolare. Ecco alcuni segnali che possono far sospettare il bruxismo: dolore o stanchezza mandibolare, denti sensibili, denti mobili, mal d’orecchio, mal di testa, dolori al collo, rumori dell’articolazione della mandibola.

Il bruxismo e il serramento dei denti possono portare a numerose spiacevoli conseguenze: lesioni dei denti, esposizione della parte sensibile del dente (dentina) perchè lo smalto si consuma, usura dei denti che appaiono levigati e appiattiti, danni all’apparato di sostegno dei denti, effetti negativi su eventuali ponti o impianti, lesioni alla lingua gengive e alla bocca, iperattività dei muscoli della masticazione e del collo, disturbi dell’articolazione della bocca.

La prima cosa da fare quando si ha il sospetto di soffrire di questi disturbi è una visita di controllo dal proprio dentista che potrà valutare lo stato della bocca e fare una diagnosi precisa. Il principale trattamento, anche se non sempre facile da realizzare, è quello di cercare di ridurre lo stress identificandone e rimuovendone le cause. Utili e numerose sono le tecniche di rilassamento muscolare, che ognuno potrà scegliere sulla base delle proprie esigenze, meglio se con l’aiuto di un terapeuta specializzato. Su consiglio del proprio dentista possono essere utilizzate anche alcune apparecchiature dette byte. Si tratta di dispositivi mobili che, applicati durante la notte sull’arcata dentaria, creano un corretto contatto tra i denti e riducono l’attività muscolare notturna.

Casi clinici bruxismo: fai click sulle immagini sottostanti per visualizzare gli ingrandimenti.